lunedì, Marzo 30, 2020
Home > Articoli Forex > Dow Jones, i prezzi dell’oro calano mentre Yen sale sui timori dei virus. Adesso dove?

Dow Jones, i prezzi dell’oro calano mentre Yen sale sui timori dei virus. Adesso dove?

Se state osservando da vicino il Dow Jones Industrial Average e il Dow Jones Newswires, è probabile che la recente volatilità sia stata causata dai cambiamenti nell’ambiente finanziario globale e non necessariamente dalle notizie economiche. Mentre i mercati reagiscono ai media, tendono ad essere risposte emotive basate sulla paura e sull’incertezza.

Ad esempio, l’improvviso aumento del prezzo dell’oro ad agosto (e il successivo crollo) è stato innescato dalla paura degli investitori per l’imminente chiusura del governo degli Stati Uniti e da un aumento di luglio del prezzo di Amazon, che sembrava coincidere con l’uscita di un nuovo film con Brad Pitt. Gli investitori erano preoccupati che all’uscita di un film ne sarebbe uscito un altro, causando così un calo della domanda. In entrambi i casi, l’attenzione dei media è stata sufficiente per innescare movimenti drammatici dei prezzi di mercato.

Man mano che il dollaro si rafforza e i rendimenti diminuiscono, il dollaro si rafforza e il dollaro diminuisce. Una mossa drammatica in uno di questi mercati porterà a una reazione su larga scala del prezzo di mercato.

Mentre il tasso di cambio tra il dollaro americano e lo yen giapponese è un fattore trainante della forza del dollaro, il prezzo di mercato per un dollaro è influenzato da una serie di altri fattori. Tutti questi fattori devono essere considerati quando si prevede cosa accadrà dopo.

Pertanto, mentre il dollaro e lo yen potrebbero indebolirsi, il livello internazionale di interesse e liquidità non si indebolirà. Rimangono forti – e più forti a seguito di eventi recenti.

Inoltre, la Dow Jones Industrial Average, focalizzata sulle società americane, ha un proprio insieme unico di forze economiche globali. E i movimenti di questi elementi saranno unici per il particolare settore aziendale.

Ad esempio, alcuni produttori vendono materie prime ad altri paesi e altri paesi vendono materie prime ad altri paesi. Se un paese subisce un calo della domanda di materie prime, l’altro paese può rispondere aumentando le vendite o la produzione.

Dal momento che il dollaro USA e lo yen giapponese hanno una relazione solida, e la domanda globale di materie prime dipende in parte dal fatto che il dollaro sia più o meno forte, e quanto forte sia il calo del dollaro nel dollaro può portare a uno yen più forte. Ciò potrebbe comportare un aumento dello yen giapponese, sebbene allo stesso tempo molti paesi che vendono materie prime negli Stati Uniti, possano anche essere costretti a ridurre le vendite o la produzione.

Poiché lo yen può essere utilizzato per acquistare dollari statunitensi, ciò può consentire ad altri paesi di aumentare le proprie esportazioni e ridurre le proprie importazioni, aumentando o diminuendo le vendite di beni specificamente progettati per essere venduti negli Stati Uniti. Ancora una volta, questo avrà un effetto domino sulla media industriale di Dow Jones e potrebbe portare a un’altra mossa drammatica nei prezzi di mercato.

Ciò che è cambiato finora nella situazione del mercato è che la Cina ha recentemente annunciato che non consentirà più scambi di valuta nel mercato dei futures. L’economia cinese è stata sostenuta da prestiti a basso costo delle banche cinesi, tanto che si è detto che anche il governo giapponese potrebbe volerli salvare.

Si stima che il governo giapponese detenga fino a $ 1 trilione di riserve di valuta estera. E considerando che l’indice azionario Nikkei 225 ha continuato a salire, e si dice che i produttori giapponesi stiano investendo molto nella propria ricerca e sviluppo, la notizia della decisione della Cina di interrompere il commercio di valuta potrebbe aver innescato il primo calo assoluto del valore dello yen giapponese e che a sua volta potrebbe aver portato a un rapido aumento del valore della media industriale di Dow Jones.

Come un toro, il metallo giallo continua a ruggire nonostante i venti di burrasca che soffiano nella direzione opposta, e gli operatori del mercato americano sperano che i venti del cambiamento saranno presto rilasciati, portando a una crescita più sostenibile. negli anni a venire.