venerdì, Giugno 5, 2020
Home > Articoli Forex > I prezzi del greggio diminuiscono nonostante le speranze commerciali tra Cina e Stati Uniti

I prezzi del greggio diminuiscono nonostante le speranze commerciali tra Cina e Stati Uniti

L’accordo potrebbe ottenere uno stretto controllo da parte delle autorità antitrust. Shanghai ha aperto il primo contratto di selezione dell’oro sulla superficie per la settimana rimanente. Shanghai ha aperto il suo primo contratto di opzioni in oro alla fine della scorsa settimana.

Attraverso ogni toro di metalli preziosi e soggetti ai mercati, le scorte di oro superano l’oro in ogni istruzione. Gli investitori hanno anche espresso il sentimento per le tensioni geopolitiche per migliorare l’inclusione nella Corea del Nord. Alcuni investitori sono chiaramente inclini a trarre profitto dalla vacanza man mano che i mercati si assottigliano. Osservano la situazione a Hong Kong, dove i candidati democratici hanno vinto la maggioranza dei seggi in una domenica elettorale del distretto locale. Si strinse nelle spalle mentre il presidente Trump aveva posticipato una tariffa di aumento la scorsa settimana. Di Aaron Sheldrick TOKYO (Reuters) I futures sul petrolio sono stati mescolati lunedì, con tagli del greggio statunitensi inferiori, rispetto a investitori e operatori finanziari che parlano di prospettive di crescita economica globale in una situazione di stallo nei colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti. In ogni caso, l’oro beneficia dei dubbi degli investitori su attività rischiose come titoli appassiti, con la direzione del mercato statunitense mancante a causa della rottura del ringraziamento.

La storia chiave a supporto del mercato e alla guida dell’azione dei prezzi sono i tagli alla produzione guidati dall’OPEC. Le ultime notizie commerciali sono ampiamente positive con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante il fine settimana che ha avuto una chiamata costruttiva con il suo pari cinese Xi Jinping. Il rapporto dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio è stato rialzista.

L’umore aspro dei mercati è caratterizzato dal fatto che inizierà ad arrendersi dopo un inizio tra le speranze di una svolta nei colloqui commerciali USA-Cina. Le crescenti tensioni commerciali hanno preoccupato gli investitori, con le preoccupazioni per una guerra commerciale globale alimentata da una maggiore volatilità nel mercato azionario negli ultimi mesi. Dato che le tensioni nel commercio tra Stati Uniti e Cina si sono in qualche modo allentate, è possibile vedere scambi che mostrano miglioramenti marginali nei rapporti.

Le interruzioni dell’offerta in Libia, nonché i ritardi nella produzione in Venezuela e le imminenti sanzioni statunitensi sulle vendite di petrolio greggio dall’Iran hanno aggiunto ulteriore pressione al rialzo sui prezzi globali del petrolio, anche con un tweet del presidente che suggerisce che l’Arabia Saudita è pronta a smettere di spendere altrimenti tono rialzista del mercato. Il risultato potrebbe non essere favorevole al mercato in quanto imposta Carrie Lam a sfidare la leadership e portare incertezza politica. I dati economici statunitensi sui risultati hanno sottoperformato rispetto alle previsioni di base degli ultimi mesi in generale.