martedì, Agosto 11, 2020
Home > Articoli Forex > La fiducia dei consumatori scende ai minimi del 2017 su Covid-19, USD snoda

La fiducia dei consumatori scende ai minimi del 2017 su Covid-19, USD snoda

La fiducia dei consumatori è in declino in tutto il mondo e i numeri più recenti rivelano qualcosa sul perché. Ecco quattro grafici da guardare nel 2020:

In primo luogo, dalla Banca centrale europea (BCE) in Europa: Mario Draghi della BCE ha parlato in una conferenza stampa presso la loro sede a Francoforte, in Germania. Ha avvertito che la recessione non sarebbe stata evitata, nonostante il programma di acquisto di obbligazioni della BCE.

“La prima ragione di questa visione cupa è la mancanza di competitività dell’Eurozona. Questo gruppo di paesi è sempre stato un settore a bassa crescita, dagli anni ’70”. “Ma con il forte aumento della concorrenza su più fronti, il divario di competitività tra la zona euro e gli Stati Uniti d’America si è ampliato”, ha detto. “La seconda ragione del continuo declino della fiducia dei consumatori europei è l’aumento dell’incertezza. La ragione di ciò è che non ci sono segnali chiari sul futuro dell’economia. Con un mercato del lavoro indebolito, la disoccupazione di lunga durata è in aumento, e l’aumento dell’inflazione, i consumatori stanno diventando meno sicuri dell’attuale scenario e questo ha un impatto sulla performance economica “.

Successivamente, da Daraposemin.com: i leader aziendali stanno dando ai mercati obbligazionari piuttosto che investire i loro profitti. In questo spirito, stanno permettendo al mercato azionario di deprezzarsi. Lo stato del mercato immobiliare a New York è sempre stato traballante, ma ora sembra molto cupo.

“Il prossimo mese vedremo un duro colpo alla borsa”, ha dichiarato Levent Sekirov, cofondatore e amministratore delegato di Kingsbridge Capital Group. “Questi problemi influenzeranno la capacità delle banche di estendere il credito”. “Ad esempio, se la crisi del credito raggiunge il suo apice, le nostre banche dovranno interrompere la crisi dei prestiti subprime perché non avranno accesso ai fondi”.

Infine, da Forbes.com: un funzionario di alto livello della Federal Reserve ha avvertito che i mercati azionari sono una “frode” progettata per ingannare gli investitori. “Gli investitori non dovrebbero mettere un sacco di azioni nei movimenti dei prezzi. Le persone venderanno comunque ciò che non possono comprare, ma compreranno le azioni che possono”, ha detto Christina Romer, presidente del Federal Reserve Board, in un discorso ai consulenti finanziari in una conferenza sponsorizzata dal colosso bancario Goldman Sachs.

Ciò indica praticamente la fine del pacchetto di incentivi fiscali, che almeno ha momentaneamente aumentato la fiducia e la spesa dei consumatori. Quindi, vediamo se questa previsione risulta corretta. I primi due grafici indicano la possibilità di un dollaro molto più forte, e il terzo rivela che la scarsa fiducia dei consumatori in Europa, non una tendenza sostenibile.

La fiducia dei consumatori sarà un ricordo del passato? Sembra improbabile. Quindi, qual è il problema con fiducia?

La fiducia è associata all’ottimismo, che può essere alimentato da messaggi positivi di governi e leader aziendali. Se questi non bastano per rendere le persone ottimiste, ci sono sempre i media, la pubblicità e il pacchetto di stimoli economici che ci incoraggiano a sentirci meglio. Come mostrano le ultime previsioni economiche dell’UE, i consumatori stanno ancora subendo gli impatti negativi di questa debole economia.

Tuttavia, la scarsa fiducia dei consumatori è una specie di spada a doppio taglio, in quanto potrebbe effettivamente mettere più soldi in tasca. Ma è possibile che abbiamo già raggiunto un punto in cui la fiducia è un problema? Dal mio punto di vista, sì.

In effetti, con l’aumentare della fiducia dei consumatori, il dollaro debole dovrebbe contribuire a mantenere competitive le esportazioni europee e statunitensi. Quando guardi il tasso del dollaro, che potrebbe essere un po ‘troppo lento per comodità, non sono sicuro di come puoi distinguere.

Se non altro, almeno gli Stati Uniti e le economie europee sono stati liberati dal pacchetto di stimolo economico, consentendo a fattori positivi a più lungo termine di influenzare la fiducia dei consumatori. Forse col tempo, vedremo aumentare la nostra fiducia.