martedì, Novembre 19, 2019
Home > Articoli Forex > Ritiri AUD / USD da massimi di 2 mesi, consolida i guadagni sopra 0,70

Ritiri AUD / USD da massimi di 2 mesi, consolida i guadagni sopra 0,70

Il ritiro si concentra sulla riflessione e sulla costruzione della relazione con te stesso, con gli altri e con Dio, esplorando vari elementi della fede cristiana, tra cui la comunità, il discepolato, il perdono, la preghiera e il corpo di Cristo. Applicazioni per la primavera 2019 Cerca ha chiuso. The Retreat di primo anno è un ottimo modo per trascorrere del tempo riflettendo sulle tue prime settimane in USD, e ciò che speri durante la tua esperienza universitaria.

L’oro era stabile, dopo due giorni di perdite, dal momento che i deboli dati delle fabbriche cinesi hanno irritato la propensione al rischio degli investitori. Oggi è passato vicino a un massimo di 3 mesi e guarda al binario per il suo più grande guadagno settimanale in quattro mesi dal momento che i dati economici indicano un’economia degli Stati Uniti stagnante e un probabile ritardo nel rialzo dei tassi della Fed americana. Il guadagno di quasi il 6% di Silver significa che è impostato per il suo maggiore guadagno settimanale in due mesi.

Gli indici asiatici hanno chiuso in rialzo martedì sull’ottimismo secondo cui i negoziati sul commercio sino-americano potrebbero essere in grado di raggiungere un accordo commerciale prima della scadenza prevista per il 1 ° marzo. In effetti, l’indice del dollaro americano è appena al di sotto del massimo della sessione. Calpesta l’acqua vicino a 94,40. L’indice FTSEuroFirst delle 300 principali azioni europee, il DAX tedesco e il CAC 40 francese sono cresciuti di un terzo del Pct e il FTSE 100 britannico ha salito i due terzi del pct.

Il dollaro australiano ha toccato un massimo di tre mesi dopo che l’attività della fabbrica cinese ha superato le aspettative del mercato, approfittando anche della fermezza dei prezzi del petrolio. Nel frattempo, aspettatevi molta volatilità e prestate attenzione all’oro, poiché molto spesso farà da apripista al dollaro australiano, ma non dimenticate nemmeno i mercati del rame. Il dollaro australiano ha perso terreno rispetto all’avversione al rischio, ma non è collassato. Il dollaro USA si rafforza grazie agli scambi a metà settimana dopo un periodo di sottoperformance. Con il passare degli anni la valuta ha perso valore in profondità sempre più assurde fino a quando, nel novembre 1923, un’oncia d’oro costata 170 marchi solo cinque anni prima era scambiata a 87.000.000.000.000 di marchi per oncia. Entrambe le valute degli antipodi hanno subito una significativa reazione al ribasso mercoledì, dopo che lo scartamento della Cina ha toccato un minimo di sei anni e mezzo.

Andando avanti, gli investitori ora guardano con impazienza ai discorsi di vari membri del FOMC per un nuovo slancio tra la vuota bolla economica degli Stati Uniti. Inoltre, dovrebbero essere preparati per la volatilità e un possibile commercio bilaterale a causa dell’imprevedibilità di Trump. Seguiranno da vicino la dichiarazione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia, prevista per martedì, per qualsiasi cambiamento di lingua dal suo atteggiamento neutrale. Lunedì, sono rimasti concentrati sui titoli politici dall’Italia. Più tardi, avranno la possibilità di reagire ai rapporti sul PMI manifatturiero degli Stati Uniti e alle vendite di case esistenti. Secondo il rapporto, gli investitori europei hanno aumentato i loro acquisti di oro durante il primo trimestre.

I mercati stanno cercando di trovare il rendimento e il dollaro australiano è una delle valute più pagate. Nella sessione di ieri, sembra che stia testando il livello di supporto sottostante. Miglioramento del mercato delle case in Australia (nuove vendite per la casa). La domanda globale di oro è diminuita dell’1% nel primo trimestre, il WGC ha riportato che il calo della domanda di gioielli cinesi ha superato di gran lunga la ripresa degli acquisti indiani e l’appetito occidentale per i fondi garantiti da lingotti. La domanda totale di oro dell’India è aumentata del 15% a 192 tonnellate nel primo trimestre, ha mostrato il rapporto trimestrale sulla domanda di WGC.